Piercing all’ombelico: la guida completa

PIERCING ALL’OMBELICO

Quanto piace il piercing all’ombelico? Uno dei più famosi assieme a quello sulla lingua e alle orecchie. Ecco la guida completa al piercing all’ombelico. Le origini di questo piercing nelle tribù delle popolazioni precolombiane dove la modificazione corporale veniva usata come rituale di vicinanza agli dei.

Raggiunge poi il suo scopo seduttivo grazie alle donne indiane che solevano indossarlo (ma in realtà lo fanno ancora adesso) grazie al sari che spesso lascia il ventre scoperto.

Le tipologie di piercing all’ombelico sono sei: Navel Piercing, il classico foro verticale nella parte superiore dell’ombelico, l’Anti Navel Piercing, stessa cosa del primo ma nella parte inferiore, il Double Navel Piercing, una combinazione tra i due, il Navel Piercing Laterale un Navel ma in orizzontale, il Multi Navel Piercing, un mix dei precedenti e l’Horizontal Navel Piercing, un piercing superficiale che fora la pelle sopra o sotto l’ombelico.

 

COME SI FA

Prima di tutto è bene raccomandarci di non tentare di farsi il piercing all’ombelico da soli a casa in quanto può essere pericoloso a causa delle infezioni che si possono contrarre dopo. Cercate uno studio con un professionista che conosce bene il suo lavoro e, soprattutto, opera in sicurezza.

Il piercer deve indossare i guanti durante il procedimento e, cosa molto importante, gli strumenti da lavoro devono essere monouso e quindi ancora confezionati. Rifiutatevi di procedere se non dovesse essere così!

A questo punto il piercer andrà a pulire bene l’ombelico e tutta l’area attorno con del disinfettante e poi, con un forcipe adatto all’uso, vi pinzerà il lembo di pelle da forare e segnerà con un pennarello il punto in cui dovrà essere inserito il gioiello.

Fatto questo inserirà un ago cannula (simile a quelli per la donazione del sangue) e, subito dopo, il gioiello che avete precedentemente scelto. L’ago a questo punto verrà sfilato ed il piercing chiuso con le sue palline.

Si tratta di un procedimento semplice, identico a quello di un qualsiasi altro piercing e, secondo chi l’ha fatto, non è una zona particolarmente dolorosa sebbene sia molto soggettivo.

 

I TEMPI DI GUARIGIONE

I tempi di guarigione di questa tipologia di piercing variano da persona a persona e sono, in realtà, un po’ ingannevoli.

Dovete sapere che, ad occhio, potrà sembrare che il piercing sia completamente guarito dopo circa un mese ma sappiate che non è assolutamente così. Solitamente ci vogliono circa sei mesi prima che il piercing sia completamente guarito ed in alcuni soggetti persino un anno di tempo.

Fortunatamente chi ha già potuto farlo ha notato una buona risposta da parte del corpo che tende a cicatrizzare bene incorrendo raramente in infezioni e rigetti. Non serve spiegarvi che, in caso di rossori forti, perdite di pus e cattivo odore, è bene andare sia dal piercer che da un medico. Quest’ultimo potrebbe dovervi dare una cura antibiotica in caso di infezione.

 

Vi sta piacendo la guida completa sul piercing all’ombelico?

L’IGIENE E LA CURA DEL PIERCING ALL’OMBELICO: LA GUIDA COMPLETA

Una corretta cura del piercing aiuta non solo la guarigione ma evita anche l’insorgere di infezioni che potrebbero far rigettare il gioiello andando a creare cicatrice evidenti.

Prima di cominciare la pulizia, bisogna lavarsi molto bene le mani data la presenza di numerosi germi e batteri. State bene attenti a non tralasciare le unghie, troppo spesso dimenticate dalla pulizia.

Per prima cosa cercate un posto dove non importa se vi bagnate o bagnate a terra, la doccia sarà il luogo ideale. Prendete quindi dell’acqua fisiologica e versatela sul piercing, dopodiché, con un cotton fioc anch’esso imbevuto di soluzione salina, pulite attentamente attorno al gioiello rimuovendo tutte le crosticine che si saranno formate nei giorni successivi alla perforazione.

Se dovete fare la doccia, usate dell’acqua tiepida e passate delicatamente un sapone antibatterico sulla zona per poi risciacquare bene.

Un’atra tecnica ideale sarebbe immergere la zona interessata in acqua e sale. Sappiamo quanto la cosa sia difficoltosa, quindi vi consigliamo di riempire a metà un bicchierino di acqua tiepida con una punta di sale sciolto al suo interno, dopodiché poggiatelo sull’ombelico e sdraiatevi avendo cura di tenere premuto il bicchiere contro il ventre così da creare una sorta di “tappo” che permetterà al piercing di rimanere immerso.

Deve restare per almeno 5/10 minuti.

Finite le varie operazioni asciugate attentamente con una garza sterile.

PICCOLI ACCORGIMENTI

E adesso eccoci arrivati ad alcuni piccoli accorgimenti che sarà bene seguire, soprattutto per il primo mese dopo aver fatto il piercing.

Il primo consiglio che vi diamo, sebbene sia il più banale, è di non toccare continuamente il piercing, prima di tutto per una questione di igiene e seconda cosa perché rischiate di irritare e arrossare la zona dell’ombelico. Sostanzialmente, giù le mani!

Altra cosa che dovete evitare come la peste sono creme e pomate che non andranno tanto ad idratare quanto a bloccare la respirazione della ferita. La stessa cosa vale per disinfettanti troppo aggressivi come l’alcool o persino l’acqua ossigenata.

Altra cosa che dovrete evitare per qualche mese è il nuoto. Piscine, spa, laghi e mare sono assolutamente da scansare in quanto vi sono raccolti una quantità di batteri e agenti contaminanti che, a pensarci bene, quasi quasi sarebbero da dimenticare anche senza piercing.

Cercate di indossare abiti larghi o che, comunque non andranno ad impigliarsi per sbaglio nel gioiello rischiando di strapparlo dolorosamente via.

Ultimo consiglio che vi diamo è di cercare di dormire in posizione supina o al massimo su un fianco, soprattutto per le prime quattro settimane dalla foratura. Servirà a non creare pressione sulla ferita.

COSTO DEL PIERCING ALL’OMBELICO

Come ogni piercing, anche quello all’ombelico ha un costo che può variare in base allo studio al quale ci si affida. Mediamente il prezzo è di circa 100 euro, ma può alzarsi anche in base al gioiello che si sceglie.

Ricordatevi sempre che bisogna essere maggiorenni per fare un piercing o, al massimo, si deve essere accompagnati da un genitore.

CURIOSITÀ: VIP CON IL PIERCING ALL’OMBELICO

Il piercing all’ombelico è, di certo, uno di quei vezzi estetici piuttosto accattivanti e anche tra i vip non passa di certo inosservato. Ma chi sono le star che hanno ceduto a questo trend? Tra di loro possiamo trovare la modella Adriana Lima, la tanto discussa cantante Britney Spears, Jessica Alba, l’attrice britannica Keira Knightley, la trasgressiva Lindsay Lohan, Beyoncè e l’ereditiera Paris Hilton. 

CONDIVIDI 

Condividendo questo articolo su Pinterest ci aiuti tantissimo a crescere, e te ne saremo sempre grati. Speriamo che questo articolo su Piercing all’ombelico: la guida completa vi sia piaciuto!

Disclaimer: Non ci assumiamo nessuna responsabilità dell’utilizzo che farete dei consigli in questo articolo. I link agli articoli Amazon sono tutti link affiliati, significa che riceviamo ad ogni acquisto effettuato una piccola commissione che però non sarete voi a pagare ma Amazon stesso
Altri consigli per togliere la cellulite e  maschere per capelli

2 Condivisioni