Esposizione ai raggi UV

E’ una delle cause principali dell’invecchiamento precoce della pelle. La tintarella non serve solo a farci apparire più belli: è il processo mediante il quale il corpo si difende dal sole. Il merito è della melanina, che il nostro corpo produce quando siamo colpiti dal sole, e che ha il compito di proteggerci dai raggi ultravioletti. Nonostante questo meccanismo di difesa, il raggi UV riescono a penetrare e a raggiungere il derma, danneggiando il dna delle cellule. A lungo andare, il sole degenera l’elastina e il collagene, privando la pelle del suo sostegno e dando luogo alla comparsa di rughe e solchi.

Fumo

Il fumo provoca danni considerevoli sulla pelle. Colorito spento, capillari aperti, rughette sottili intorno alle labbra: la pelle di chi fuma appare visibilmente invecchiata. I primi segni sono visibili dopo 5/10 anni da quando si inizia, e una donna di 30 anni che fuma da quando ne aveva 18 è facilmente soggetta ad invecchiamento precoce della pelle.

Cosa fare? L’unico modo per bloccare questo processo è smettere di fumare. Non è difficile come si crede, basta armarsi di volontà e pazienza. Esistono diversi prodotti che aiutano a superare i sintomi dell’astinenza (qualche tempo fa abbiamo recensito Nicoin, uno spray da spruzzare nella cavità orale ogni volta che si desidera una sigaretta per bloccare la tentazione di ricadere nel vizio. Leggi la nostra recensione di Nicoin).

Andare a dormire senza struccarsi

La notte le cellule cutanee si autoriparano dai danni subiti a causa di fattori ambientali. Questi processi vanno assecondati, non ostacolati: eliminare qualsiasi traccia di trucco e di impurità favorirà l’ossigenazione della pelle, aiutandola a rigenerarsi e a ricevere i principi attivi della crema notte.

Rimuovere il make up è essenziale per illuminare la pelle esportando meccanicamente le cellule morte, ma anche la scelta della crema da stendere prima del riposo notturno gioca un ruolo fondamentale: per prevenire l’invecchiamento della pelle, ma anche per contrastare le rughe già presenti, è importante usare un prodotto idratante e anti age come SkinLabo crema notte.

Questa lozione, infatti, svolge una doppia azione: da una parte idrata la pelle, combattendo la secchezza cutanea notturna; dall’altra, svolge un’azione antirughe profonda, eliminando in 30 giorni segni, solchi e macchie dell’età. Alla base di questo processo ci sono ingredienti specifici, quali: acido ialuronico, glicosaminoglicani, estratto di ananas, argireline,estratto di uva, proteine del riso, gluconolattone. Dopo 8 ore dalla prima applicazione la pelle appare già luminosa e rinnovata.

Cattiva alimentazione

Infine, una dieta scorretta può causare l’invecchiamento cutaneo. Tra gli alimenti da limitare ci sono lo zucchero raffinato, il sale, i formaggi grassi e la carne, mentre i cibi anti invecchiamentoper eccellenza sono i cereali integrali (avena, orzo, quinoa, riso integrale e frumento), il pesce (soprattutto salmone, trota e tonno), frutta, verdura (da 5 a 9 porzioni al giorno), frutta secca (4-6 mandorle o noci al giorno), legumi e yogurt.

Anche alcuni integratori alimentari possono aiutare a prevenire l’invecchiamento della pelle: si tratta di compresse ricche di principi attivi antiossidanti, con un potente effetto antietà. Uno dei migliori da questo punto di vista è X115 Primary con la doppia formulazione day e night, ideato per fornire alla pelle una protezione completa contro lo stress ossidativo e l’invecchiamento.

Condividi su Pinterest 

Condividendo questo articolo su pinterest ci aiuti tantissimo a crescere, e te ne saremo sempre grati.

Seguimi su instagram

Puoi trovare il mio profilo cliccando qui

Categorie: Moda-Salute

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: